Convenienza fotovoltaico e sistemi di accumulo a prezzi 2017.

287-PV-roof-top-web

Solar Farm Srl |  2007-2017

[07-02-2017] Di seguito esaminiamo la convenienza economica di un impianto fotovoltaico semplice e di un sistema di accumulo per un impianto fotovoltaico già in funzione.

Fotovoltaico semplice

Consideriamo un impianto fotovoltaico residenziale da 6 kW nel Nord Italia. Il prezzo chiavi in mano è di Euro 11.500,00 (Iva inclusa), incluse pratiche Enel / GSE. Per semplicità di calcolo il beneficio fiscale della detrazione del 50% in 10 anni è attualizzato in misura lineare.

Ipotizziamo una quota di autoconsumo è del 35% – valore in linea con le statistiche degli impianti realizzati da Solar Farm e con la letteratura.

break-even-fv-6kw-2017-02La simulazione dimostra un ritorno economico dell’investimento in 5 anni.

Finanziariamente  equivale ad una polizza riscattabile a 10 anni (periodo della detrazione) con una cedola fissa del 20%.

E’ evidente che non esistono investimenti finanziari equivalenti per rischio/rendimento.

Nel caso il cliente non possa beneficiare della detrazione il rendimento si dimezza, ma il confronto con alternative finanziarie rimane a largo favore del fotovoltaico.

Sistema di accumulo

Consideriamo un impianto fotovoltaico esistente di 6 kW ed un sistema di accumulo da 6 kWh (es. Tesla Powerwall 1 oppure LG Chem RESU 6H). Il sistema è fornito chiavi in mano, servizi inclusi, ad un prezzo di Euro 9.200,00 (Iva inclusa).

La quota di autoconsumo iniziale è del 35%. La quota di autoconsumo con il sistema di accumulo sale al 75% – valore in linea con le nostre statistiche e le notizie disponibili.

break-even-retrofit-accumulo-blog-2017-02La simulazione mostra un ritorno dell’investimento in 11 anni.

Finanziariamente  equivale ad una polizza con riscatto a 11 anni (tempo di ritorno) con una cedola fissa del 9%.

Pur se in misura inferiore al fotovoltaico semplice, il rendimento supera qualunque investimento finanziario di pari profilo rischio/rendimento.

Fotovoltaico per aziende

break-even-fv-20kw-azienda-2017-02Per un’azienda consideriamo un impianto da 20 kW.

Il prezzo chiavi in mano è pari a Euro 30.000,00 (Iva esclusa).

La produzione media annua è 24.000 kWh, che corrisponde ad una spesa di circa 5.300 Euro l’anno (Iva esclusa) nel caso di acquisto dalla rete.

La detrazione fiscale non si applica, tuttavia l’investimento è ammortizzabile in 11 anni al 9% annuo. Dal punto di vista matematico è equiparabile ad una detrazione fiscale del 33% (IRES + IRAP) – artificio usato nel nostro modello semplificato.

Il calcolo non considera il vantaggio del c.d. “superammortamento” per i beni di investimento, cioè la possibilità di ammortizzare il primo anno il 140% della quota annuale di ammortamento.

La simulazione propone un ritorno dell’investimento in 6 anni. Valgono le considerazioni di convenienza descritte in precedenza.

Contatti:

Contattaci per un preventivo e per maggiori chiarimenti -> qui !

Riferimenti:

Trovate qui e qui le tabelle [apre pdf] con i calcoli e qui il foglio di calcolo [apre xls].

Cercando sul web “convenienza fotovoltaico” escono decine di riferimenti. Tra quelli con maggior credito riportiamo:

Segnaliamo che entrambe gli articoli effettuano calcoli economici a prezzi 2014, superiori di circa il 20% rispetto ai prezzi attuali (02/2017).

Pubblicato in press | Lascia un commento

Batteria di accumulo Varta Pulse

[18-05-2017] La nuova batteria di accumulo Varta Pulse [web Varta] entro l’estate disponibile anche in Italia. Il sistema – disponibile nelle taglie da 3 e 6 kWh nominali (90 % DOD) – include l’inverter fotovoltaico, il regolatore di carica per la batteria e il sistema di comunicazione Lan di serie.

Il prodotto è altamente ingegnerizzato per offrire facilità di montaggio e gestione.

La batteria accumulo Varta Pulse è stata presentata [news Varta] l’11 maggio 2017 al Politecnico di Milano e sarà lanciatà ufficialmente alla fiera Intersolar [web] i primi di giugno 2017.

I vantaggi della batteria di accumulo Varta Pulse rispetto ad altri prodotti concorrenti sono notevoli:

  • unico armadio per batteria al Litio e inverter-regolatore di carica
  • sistema di comunicazione LAN integrato
  • misuratore energia nel punto di scambio incluso nella fornitura
  • modularità fino a 5 batterie pari a 30 kWh

La garanzia offerta è di di 10 anni entro un massimo di 10.000 cicli – ai vertici di mercato e in linea con le offerte di Tesla e LG Chem.

Il sistema è adatto a nuovi impianti fotovoltaico residenziali con potenza da 2 a 6 kWp e  per utenze con consumi da 4 a 10 kWh nella fascia serale/notturna. Grazie alla modularità, il sistema è scalabile per coprire consumi fino a 25-30 kWh al giorno nella fascia serale/notturna.

Il prodotto è atteso in Italia entro l’estate, in anteprima agli Smart Partner VP Solar (tra cui Solar Farm).

Contattateci per un preventivo -> qui.

Pubblicato in novità prodotti | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Sistema di accumulo LG Chem RESU 10H

[12/05/2017]. Un nuovo sistema di accumulo LG Resu 10H [-> pdf] è stato installato in retrofit ad un  fotovoltaico esistente da 9 kW in un B&B vicino a Reggio Emilia. La Resu 10H è la nuova batteria ad alta tensione (400 Vdc) LG Chem disponibile sul mercato dal 2017.

sistema-di-accumulo-LG10HPer il cliente la quota di autoconsumo storica è del 30%; la stima con il sistema di accumulo è del 70% – su base annua. Il tempo di ritorno dell’investimento è di nove anni circa, sfruttando il beneficio della detrazione fiscale al 50% in dieci anni.

Il sistema RESU 10H è connesso all’inverter carica-batteria SMA Sunny Boy Storage SBS 2.5 [-> pdf] . La comunicazione avviene tramite collegamento Ethernet al modem della struttura – al quale è collegato anche il contatore E-meter [-> pdf] per la misura dei flussi energetici di scambio con la rete. Il SBS 2.5 si aggiorna automaticamente alla versione firmware più recente. Con la registrazione su Sunny Portal la garanzia del SBS 2.5 passa da 5 a 10 anni.

L’e-meter misura le potenze istantanee sulle tre fasi e regola i flussi di energia da/verso la batteria in base al saldo netto.

I dati sullo stato di carica della batteria e sui flussi di energia di carica/scarica sono visualizzabili dal portale Sunny Portal.

L’installazione richiede mezza giornata inclusa la registrazione del sistema al portale mediante app SMA. La pratica di connessione alla rete richiede 6-8 settimane trattandosi di una pratica uguale a quella necessaria per un impianto fotovoltaico nuovo.

Dopo l’installazione il beneficio è immediatamente evidente: i consumi notturni (in arancione) sono coperti completamente dalla batteria; i prelievi da rete (normalmente in rosso) sono ridotti a zero. Durante il giorno l’impianto fotovoltaico da 9 kWp ricarica la batteria (area arancione) ed immette in rete la produzione in eccesso (area in giallo).

sistema-accumulo-lgchem-resu-10h

Pubblicato in impianti | Contrassegnato , , | Lascia un commento

I Certificati Bianchi (TEE), anche per il fotovoltaico

I certificati bianchi, anche noti come “Titoli di Efficienza Energetica” (TEE), sono titoli negoziabili che certificano il conseguimento di risparmi energetici negli usi finali di energia attraverso interventi e progetti di incremento di efficienza energetica [fonte GSE]. Una sintesi del meccanismo di funzionamento è disponibile – > qui [pdf] dal sito del GSE.

Un certificato equivale al risparmio di una tonnellata equivalente di petrolio (TEP) che, per i consumi elettrici, è posto convenzionalmente pari a 5.347,59 kWh. Anche impianti fotovoltaici fino a 20 kW possono beneficiare per cinque anni dei ricavi dalla vendita di certificati al GSE.

Per esempio, un impianto da 20 kW che produce mediamente 24.000 kWh/anno può beneficiare dei ricavi dalla vendita di 4 certificati all’anno. Il prezzo dei certificati è pubblicato dal GSE [qui -> il prezzo aggiornato]. Il 27-04-2017 il prezzo medio ponderato era di 237,66 Euro. Se il prezzo rimanesse costante tutto l’anno il ricavo lordo da produzione fotovoltaica equivarrebbe ad oltre 800,00 Euro.

Segui il video di EDIN Srl  per una spiegazione del meccanismo e contattaci -> qui per un preventivo sulla gestione dei certificati e per maggiori informazioni.

Pubblicato in press | Contrassegnato , | Lascia un commento

Dimensionare il sistema di accumulo al meglio delle prestazioni

[28-04-2017] Per dimensionare il sistema di accumulo è necessario tenere conto [a] dei consumi medi serali-notturni e [b] della produzione fotovoltaica minima nei mesi peggiori per la carica della batteria.

Da aprile a settembre i sistemi di accumulo rendono al meglio: il forte irraggiamento diurno carica la batteria in poche ore; in caso di prelievi oltre la potenza contrattuale la batteria contribuisce ad alimentare le utenze e si ricarica nuovamente entro la sera.

Con un pò di programmazione nell’impiego dei carichi più gravosi in termini di consumi (forni, asciugatrici, aspirapolvere, ferri da stiro) la batteria sopperisce ai carichi notturni “base-load” – frigo, illuminazione, ricarica telefoni, TV, PC – normalmente inferiori a 600 W complessivi per tutta la notte.

Di seguito il grafico di un giorno tipico di aprile – con sole intermittente e passaggi nuvolosi. Per 24 ore il fotovoltaico e la batteria alimentano tutti i consumi di casa con prelievi da rete nulli – l’apoteosi dell’accumulo!

Per la cronaca, si tratta di un impianto da 6 kW – di cui abbiamo parlato -> qui [web] – con batteria Tesla Powerwall 1 presso un’abitazione bifamiliare.

dimensionamento-sistema-accumulo-fotovoltaico

Per una panoramica dei sistemi di accumulo puoi leggere -> qui [web].

Compila il modulo -> qui [web] e ottieni un preventivo gratuito per un sistema di accumulo chiavi in mano!

Pubblicato in calcoli | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Colonnine ricarica auto elettriche: panoramica prodotti

[31-03-2017]. Abbiamo anticipato qui sull’obbigo di installazione di colonnine ricarica auto elettriche da fine 2017.

Di seguito una panoramica dei prodotti di maggior fama disponibili per uso pubblico.

ABB

ABB offre una gamma completa di colonnine per tutte le esigenze, esposte in ordine di complessità crescente.

ABB-colonnine-Evcu-colori-1La gamma EVCu comprende colonnine mono o bifacciali per la ricarica in AC di uno e due veicoli con potenza di 3,7 kW (ricarica lenta da 3 a 6 ore) e 22 kW (ricarica medio-rapida da 30 min a 1 ora).

Per le bifacciali le potenze totali raddoppiano e sono disponibili per ciascun veicolo.

Le colonnine sono dotate di contatore energia, lettore RFID per il riconoscimento dell’utente, comunicazione via LAN con il centro di gestione.

Le EVCu operano secondo il modo 3 di ricarica – la modalità che garantisce standard di sicurezza e di comunicazione adatto a luoghi pubblici.

ABB-colonnine-Evcu-schema-1

(da catalogo ABB)

Le colonnine sono dotate dei tre formati di connettore inclusi nella norma IEC 62196-2: tipo 1, tipo 2 e tipo 3C. Per i veicoli minori dotati di presa Schuko è necessaria una modifica da effettuare a cura di un tecnico.

ABB-colonnine-Evcu-connettori

(da catalogo ABB)

 

La gamma EvCu è adatta ad un ampio spettro di clienti: flotte aziendali, parcheggi centri commerciali, uffici, centri logistici, hotel, parcheggi condominiali. Le opzioni di controllo vanno dal semplice monitoraggio dei tempi di ricarica al ciclo completo di fatturazione.

La gamma Terra comprende le colonnine adatte alla ricarica veloce secondo qualunque tecnologia – in corrente continua (standard ChadeMo supportato dalle case automobilistiche giapponesi) ed alternata (standard CCS supportato dalle case tedesche).

ABB-colonnine-Terra-gamma-1.jpg

Le colonnine ricaricano a 22 kW o 43 kW in modo 3 in corrente alternata e a 50kW in modo 4 in corrente continua.

La gamma Terra è adatta principalmente a stazioni di ricarica commerciali che operano diverse ore al giorno.

Schneider Electric

Le colonnine Schneider coprono tutta la gamma di applicazioni, al pari di ABB. Le colonnine sono disponibili anche per l’acquisto on-line (-> qui) e attraverso distributori di materiale elettrico.

RWE

La tedesca RWE non distribuisce direttamente in Italia, ma tramite system integrator.

 

Requisiti per l’installazione

L’installazione delle colonnine richiede in spazi pubblici richiede una connessione alla rete di almeno 30 kW in partenza da un POD dedicato – per motivi fiscali e di contabilità. Può essere necessaria una pratica autorizzativa urbanistica nel caso l’infrastruttura attraversi spazi pubblici.

Per maggiori informazioni e preventivi potete contattarci qui.

 

Pubblicato in press | Lascia un commento

Nuovo sistema di accumulo fotovoltaico Varta

[31-03-2017]. Il nuovo sistema di accumulo fotovoltaico Varta Element è ora disponibile.

Varta-storage-schemaIl sistema è dotato di inverter-caricabatteria integrato e si installa sulla linea AC tra l’inverter fotovoltaico ed il quadro utente.

E’ il primo sistema trifase sul mercato già certificato CEI 0-21. E’ adatto ad impianti nuovi e in particolare per il retrofit di impianti fotovoltaici esistenti.

Sono disponibili tre taglie di capacità nominale (DOD 90%):

  • Varta Element 3 con capacità 3,2 kWh – potenza 1,6 kW
  • Varta Element 6 con capacità 6,4 kWh – potenza 2,0 kW
  • Varta Element 9 con capacità 9,6 kWh – potenza 3,0 kW

 

PUNTI DI FORZA

SISTEMA INTEGRATO

In un unico apparato: inverter trifase, caricabatteria, batteria e BMS (sistema di controllo delle celle).
Il sistema è coredato di sensore di corrente trifase (nel punto di scambio con la rete) da montare su barra Din. La comunicazioni è con cavo LAN per il monitoraggio e doppino con il sensore.

FLESSIBILE

Si installa sulla linea AC, quindi adatto al retrofit su impianti fotovoltaici esistenti.

MODULARE

Tre taglie da 3 a 9 kWh di capacità in un unico armadio, con possibilità di espandere da 3 o 6 alla taglia massima.

GARANZIA LUNGA

Grazie alla progettazione integrata Varta offre 10 anni o 10.000 cicli con garanzia di capacità pari all’80% della capacità nominale.

PUNTI DI DEBOLEZZA

Le dimensioni dell’armadio (600 x 1.176 x 500) ed il peso – da 105 a 185 kg – lo rendono adatto solo ad installazioni a terra.

Il sistema di raffreddamento a ventola potrebbe offire il fianco a guasti nel lungo termine.

Non è prevista l’opzione di comunicazione wireless.

La potenza in fase di carica e scarica è inferiore ad altri prodotti concorrenti (soprattutto per le taglie inferiori).

Il prezzo di distribuzione attuale non è competitivo con altri prodotti a parità di capacità di accumulo, pur avendo caratteristiche superiori per potenza di scarica.

Contattateci qui per un preventivo gratuito!

Qui la scheda tecnica [→ pdf]

Pubblicato in novità prodotti | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Sistemi di accumulo fotovoltaico trifase: panoramica prodotti

[28-03-2017] Di seguito una panoramica dei sistemi di accumulo fotovoltaico trifase disponibili sul mercato.

Sistemi integrati (inverter fotovoltaico-accumulo)

Il sistema VARTA Element  è il primo sistema di accumulo trifase integrato disponibile per l’Italia per impianti trifase in retrofit e nuovi.

Varta-storage-2017-03
Il sistema si installa in parallelo al lato AC. Al suo interno sono presenti l’inverter-caricabatteria ed i moduli batteria da 3,2 kWh – espandibili fino a 9,6 kWh di capacità massima. Il sistema dispone di webserver integrato, portale di monitoraggio gratuito. E’ disponibile in vari colori.

Tesla Energy ha annunciato per la fine del 2017 il Powerwall 2 AC in versione trifase. Trovate qui informazioni sulla versione monofase attesa entro l’estate 2017.

SolaX-hybridSolaX rende disponbile in primavera 2017 il nuovo SolaX Hybrid trifase da 6, 8 e 10 kW con batterie ad alto voltaggio. Il sistema integra l’inverter fotovoltaico e il caricabatteria; è quindi indirizzato soprattutto ai nuovi impianti.

Il sistema beneficia della funzione EPS per consentire di alimentare dei carichi privilegiati in caso di black-out, della possibilità di installazione modulare (fino a 10 inverter in parallelo) e più pacchi batterie in parallelo, del sistema integrato con gestione della batteria a bordo.

[il SolaX-Box, un’unità che include inverter fotovoltaico, caricabatteria e armadio batterie non è disponibile per il mercato italiano].

Sistemi inverter-caricabatteria + accumulo

SMA ha in commercio il Sunny Boy Storage (SBS) 2.5 – vedi qui e qui – che è un sistema universale di gestione accumulo da installare sul lato AC tra l’inverter fotovoltaico e il contatore di produzione. Il sistema opera con batterie al Litio ad alto voltaggio (400 Vdc) di vari produttori, quali le Tesla Powerwall 1 – vedi qui – e la serie RESU H di LG Chem – vedi qui. L’inverter SBS è particolarmente adatto al retrofit di tutti gli impianti fotovoltaici esistenti,  monofase e trifase.

SolaX propone il sistema di inverter fotovoltaico + caricabatteria SolaX Hybrid – vedi qui – che opera invece con batterie al Litio a 48V, quali le Pylontech e la serie RESU 48 di LG Chem.

fronius-symo-hybrid-3Fronius ha recentemente immesso nel mercato i sistemi Symo Hybrid serie 3-S da 3, 4 e 5 kW di potenza in uscita dalle batterie e connessione AC monofase e trifase – vedi qui.

I sistemi Symo Hybrid sono inverter fotovoltaici + caricabatteria; operano con il sistema di accumulo Fronius Solar Battery, che impiega batterie al LiFePO4 (sono le Sony “Fortelion” di lunga durata) – le stesse adotatte da Sonnen.

 

Sonnen propone dal 2016 i sistemi ECO da 4 a 16 kWh espandibili in kit da 2 kWh. Gli ECO sono sistemi monofase che effettuano la misura anche in trifase – in modo analogo ai sistemi SolaX – vedi qui.

Gli ECO sono indicati in particolare per il retrofit di impianti fotovoltaici esistenti in quanto si collegano sulla linea AC tra l’inverter fotovoltaico ed il contatore di produzione.

Confronti

E’ difficile confrontare in modo assoluto i vari prodotti. Ad ogni categoria di impianto corrispondono uno o più prodotti adatti. Siamo disponibili qui per preventivi e simulazioni economiche di rendimento.

Pubblicato in novità prodotti | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Obblighi per colonnine ricarica auto elettriche da fine 2017

renault_zoe_2010_ricarica

[10-03-2017]. Dal 31-12-2017 sarà obbligatoria la predisposizione di colonnine di ricarica auto elettriche in caso di nuovi edifici commerciali  ed in caso di ristrutturazioni rilevanti. L’obbligo è esteso anche in ambito residenziale ai condomini oltre 10 unità ed in caso di ristrutturazioni di almeno il 50% della superficie disperdente o l’impianto termico dell’intero edificio.

Lo impone il D.Lgs. n. 257 del 16 dicembre 2016. [estratto]

L’obbligo esisteva già nella legge 134/2012, che imponeva l’installazione in ogni posto auto di dispositivi per la ricarica di auto elettriche negli edifici commerciali nuovi e ristrutturati superiori ai 500 mq.

La nuova disposizione impone le seguenti modifiche al T.U. per l’ediliza DPR 6 giugno 2000 n. 380:

  • l’adeguamento dei regolamenti edilizi comunali entro il 31 dicembre 2017 alla presente disposizione;
  • l’obbligo passa dall’installazione alla predisposizione al futuro allaccio di dispositivi per la ricarica;
  • l’obbligo è esteso agli edifici nuovi e ristrutturati residenziali con almeno 10 unità abitative, nella misura minima del 20% dei posti auto e agli edifici di nuova costruzione ed alle ristrutturazioni che coinvolgano almeno il 50% della superfici disperdente o l’impianto termico dell’intero edificio.
Pubblicato in auto elettriche, press | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Nuova installazione Tesla Powerwall

478-vista-insieme-low[23/12/2016]. Nuova installazione di un sistema di accumulo con batteria Tesla Powerwall e inverter SMA SBS 2.5. La batteria è installata in retrofit presso un impianto fotovoltaico da 3 kW esistente (con micro-inverter Enphase e protezione di interfaccia esterna). Oltre ai materiali classsici di installazione è richiesto uno switch di rete LAN per il colegamento dati dall’E-meter [apre pdf] e dall’inverter SBS 2.5.

478-quadro-e_meter.jpgIl contatore E-meter e lo switch sono alloggiati in un quadro vicino al contatore di produzione. L’E-meter è inserito elettricamente subito a valle (lato rete) del generale utenza.

L’attivazione dell’impianto nel protale Sunny Portal avviene tramite registrazione dell’inverter con i codici PIC e RID dell’inverter da un portatile o da un telefono con connessione wireless alla DSL dell’abitazione.

Pubblicato in press | Lascia un commento